e adesso
sfogliami

CTRL magazine #59 – ERRATO

Posted
>5 min Comments

Tra la rossa Mosca e la verde Valencia ci sono 4000 kilometri e mille motivi per percorrerli.
Carlo Ravasio aveva i suoi: una donna, dei gatti, l’ecumenismo.
Ha attraversato l’Europa a piedi con un paio di scarpe, ogni giorno per 187 giorni.
Viaggiare è umano, errare è divino.

SFOGLIA IL NUOVO NUMERO

59_Btest

ʿAlī Bābā e l’invenzione del numero civico

Posted
>5 min Comments

normal_Locatello_(31)

Una mattina Giulio Tassis, residente in via Locatelli 40 a Locatello, esce di casa e armato di cacciavite si avvicina minaccioso al proprio numero civico, quando alla finestra della casa di fronte appare il suo vicino Abdolkarim.
Uno è il discendente dell’inventore della posta, l’altro dell’inventore del numero civico, un ladrone di quelli che affollano la fiaba di Alì Baba.

Cinéma Trouvé: Estate violenta (1959)

Posted
>5 min Comments

Estate Violenta Dopo una prima serie pubblicata su Facebook, prosegue la rubrica Cinéma Trouvé, dove rovistiamo tra i film reperibili in versione integrale su YouTube (e affini) per consigliarvi titoli di diverse epoche, generi e nazionalità. Questa sera, Estate Violenta di Valerio Zurlini, drammatico ed elegante mélo ambientato nell’estate del ’43.

Pubblicità posto 3

Posted
Belle Cose Comments

IBS-freepress2080x1250

Paradossissimevolmentepara

Posted
>5 min Comments

peppino
Peppino di Capri : The Beatles = Gigi d’Alessio : One Direction
Proporzione equa?

Oggi è Beata Salome di Niederaltaich: interessanta!

Posted
Uncategorized Comments

29 giugno
InteresSanto: ogni giorno la storia trendy di un santo del giorno.
Salome, dall’ebraico “Shalom”, pace. La non ancora santa che si fece volontariamente murare all’interno del convento di Niederaltaich: all in all you’re just another brick in the wall.

5 personaggi in cerca di parole

Posted
>5 min Comments

illustrazione 2-01
In origine era in salotto. Poi ha iniziato a spostarsi, attraversando strade, salendo sugli autobus e per necessità , lavoro o piacere lo usiamo anche al cesso.
Momenti di serenità improvvisamente interrotti. Il telefono. O il suo figlio scanzonato, il cellulare. O, ancora, il nipote alla moda: lo smartphone.
Ecco l’analisi cinicomica dei cinque personaggi che hanno sicuramente telefonato mentre erano nelle tue vicinanze.

Pubblicità posto 7

Posted
Belle Cose Comments

ATB Mobile_banner CTRL

Fuori dalle gabbie – Big Debbie + Asian Women on the Telephone (at) Invisible Show

Posted
>5 min Comments

awott
La fine del silenzio è il nome di questa rubrica ed è un riferimento a The End of Silence della Rollins Band, uno dei miei dischi preferiti; ma vuole anche evocare quel momento in cui il gruppo sale sul palco, la musica di sottofondo si spegne, il pubblico smette di ciacolare e si crea un silenzio carico di aspettativa. Una soglia affascinante, che si oltrepassa quando il gruppo inizia a suonare, sancendo, appunto, la fine del silenzio.
Un report dell’Invisible Show dello scorso 15 maggio, ad Albano S. Alessandro, con il losangelino Big Debbie e i russi Asian Women on the Telephone, “in una ingenua, gioiosa e appassionata urgenza di esserci, non di restare“.

Irene, 28 anni, mormone

Posted
Uncategorized Comments

Irene Pasta (1)
Con il progetto Tell me Mormon abbiamo raccolto alcune delle storie dei 280 membri bergamaschi della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, i Mormoni.
Abbiamo incontrato Irene Pasta, consigliere della presidenza delle Giovani Donne della Chiesa di Gesù, l’organizzazione che raggruppa le ragazze dai dodici ai diciotto anni. Con lei abbiamo parlato del ruolo delle donne mormone: al contrario degli uomini, loro non possono conseguire il sacerdozio. A Irene però non importa, ci dice che sì, “l’uomo è il capo, ma la donna è il collo che lo fa girare”.

Pubblicità posto 12

Posted
Belle Cose Comments

50 “aggettivi” raccolti al concerto di Manu Chao

Posted
1~5 min Comments

Chao Anche noi, come altre 50.000 persone, siamo stati al concerto di Manu Chao sabato all’Autodromo di Monza. Fra danze, salti, permesso, scusa e “anche tu qua!”, abbiamo chiesto a un po’ di gente un aggettivo, uno solo, one shot, per descrivere il concerto.

Cinéma Trouvé: Ossa (1997)

Posted
>5 min Comments

IMG oSSOS hOME Dopo una prima serie pubblicata su Facebook, prosegue la rubrica Cinéma Trouvé, dove rovistiamo tra i film reperibili in versione integrale su YouTube (e affini) per consigliarvi titoli di diverse epoche, generi e nazionalità. Questa sera, il portoghese Ossos di Pedro Costa, enigmatico dramma ambientato in una bidonville della periferia di Lisbona.

Anatre

Posted
>5 min Comments

fa

Dalle parti del Germano Reale il sessantotto, il femminismo, gli anticoncezionali, l’assegno di mantenimento, la Boldrini, il sushi con le amiche sono ancora adda’ venì.

Preferisco il Dio che non esiste

Posted
>5 min Comments

1
Il mio Dio preferito è quello dello tzimtzum, che non è una mossa del vecchio Blanka di Street Fighter, ma una parola ebraica. Il Dio dello tzitzum è il nulla infinito, che si ritrae per lasciare posto alla realtà, alla vita, al Big Bang, chiamatelo come volete.

Videoclip non conformi: Downtown Boys, Son Lux, Monogrenade, Maestro, The Fjords..

Posted
>5 min Comments

Videbored TTTTT
Videobored è una rubrica di videomusica che spazia dentro e fuori dal mainstream per proporre i lavori più eterodossi dall’informe massa youtubica. La selezione di giugno raccoglie 7 dei videoclip meno conformi (e meno noiosi) visti nelle ultime settimane, dal sestetto no wave/punk Downtown Boys al musicista avant-pop/elettronico Son Lux.

Toilet Paper

Posted
>5 min Comments

Immagine

I toilet paper che ricamano il sistematico sputtanamento del nemico di turno, dovranno presumibilmente amministrare con maggior perizia l’odio che essi stessi istigano ai devoti e fanatici lettori (il censore del rispostificio).

Riunione Sacramentale della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni – Culto mormone

Posted
>5 min, Uncategorized Comments

cristo-fa-ridere
Stufi delle solite recensioni di show di nicchia e/o di spettacoli di culto, abbiamo deciso di recensire i culti.
Il culto mormone è presieduto dal vescovo della comunità, che però rimane piuttosto in disparte, in fede a una sorta di democrazia partecipativa in cui sono i fedeli a officiare la liturgia. L’Eucarestia è preparata e distribuita da alcuni ragazzini incaricati e prevede che ogni fedele assuma un pezzo di pancarrè e un bicchierino d’acqua. Il vino, loro, non lo possono bere.

E al centesimo catenaccio alla sera mi sento uno straccio

Posted
>5 min Comments

fuoribg
Nella terra di Cesare Beccaria manca l’astrazione cognitiva che inventi una nuova idea di pena e carcere. Non è cosa semplice, di più, è straordinariamente complesso ideare nuove formule di riparazione, a garanzia della parte lesa e della collettività, senza degradare il reo.

Cinéma Trouvé: All My Life (1966)

Posted
>5 min Comments

All my life Pagina
Dopo una prima serie pubblicata su Facebook, prosegue la rubrica Cinéma Trouvé, dove rovistiamo tra i film reperibili in versione integrale su YouTube (e affini) per consigliarvi titoli di diverse epoche, generi e nazionalità. All my life, un film di 3 minuti. Nonno degli attuali videoclip, classico del cinema sperimentale, “haiku” da leggere a occhi serrati/sbarrati.

Accadde il 15 giugno 1934

Posted
Uncategorized Comments

15 -B Joseph Goebbels, Krakow, 15 June 1934
Quel giorno Mussolini si agitava (tanto per cambiare) da un balcone in piazza San Marco. Goebbels era in missione per contro di Hitler. Mentre due ladri, liberi e professionisti, si davano da fare in Australia e in USA

La nobiltà di P. – Rosari

Posted
>5 min Comments

Faridpur_park
“Uomini e rose” , il nostro reportage sui rosari di Bergamo, in 5 puntate.
Nell’ultima storia a parlare è P. della casata Chowdury. Nobile decaduto, studente universitario, Romeo innamorato di una Giulietta induista, giocatore in borsa. Poi si è presentato all’ambasciata Italiana, gli hanno chiesto «Bergamo è in Italia. Lei sa in quale parte?». Lui ha risposto: «Actually, Mister I don’t know!» ed è partito.

Il labirinto più grande del mondo?

Posted
>5 min Comments

LABIRINTO Ricci_0069
A1 in viaggio verso Parma, con la curiosità di perderci nel labirinto più grande del mondo. Lo è davvero? Forse un tentativo, un illusione o è la verità?
In visita al Labirinto della Masone di Franco Maria Ricci, nella natia Fontanellato. Migliaia di piante di bambù, kilometri in cui perdersi, cercarsi e ritrovarsi nell’armonia. Un progetto che è costato un decennio, per un dialogo vìs-à-vìs con la metafora labirintica di Borges.

Lezpo 2015

Posted
>5 min Comments

1 lei lei
C’è un momento all’inizio di ogni frequentazione in cui, dopo i primi convenevoli, si comincia a lambire l’argomento “sesso”. Questo step è fondamentale perché, finalmente, ti permette di comprendere chi hai davanti.

La furia adulta dell’hardcore – Retox (at) Lo-Fi

Posted
>5 min Comments

ret
La fine del silenzio è il nome di questa rubrica ed è un riferimento a The End of Silence della Rollins Band, uno dei miei dischi preferiti; ma vuole anche evocare quel momento in cui il gruppo sale sul palco, la musica di sottofondo si spegne, il pubblico smette di ciacolare e si crea un silenzio carico di aspettativa. Una soglia affascinante, che si oltrepassa quando il gruppo inizia a suonare, sancendo, appunto, la fine del silenzio.
I Retox sono l’ultima creatura di Justin Pearson da San Diego, un profeta del noise rock e del punk hardcore, con gruppi di culto come i Locust e i Swing Kids, in etichette di culto come Epitaph e Ipecac.
Un concerto, quello del 30/3 a Milano, determinato e feroce, disilluso e adulto, che urla a pieni polmoni che per il punk il gioco è finito.