Persone, luoghi e altre storie
Magazine
Books

Yo

08/12/2015
>5 min
a cura di Lawrence d’Orobia

 
Questa è una rubrica informatica conscia del fatto che: a fare i tutorial per principianti c’è già Aranzulla; se hai un problema può aiutarti Google; se vuoi comprare un videogioco vai su un sito specializzato.
 
yo

Yo. App tanto assurda quanto geniale. Ha avuto il suo momento di gloria un anno fa. Mai cagata. Non per snobbismo, ma perché proprio non la conoscevo. E poi in Europa mica si usa “Yo”, come esclamazione. E quindi nemmeno come app, penso.L’ho conosciuta quando ero a Lisbona e ’sto gruppo di brasiliani, assurdi e potenzialmente geniali, ne fecero un clone. Cioè un’app uguale. Non proprio uguale uguale, ma simile. Si chiamava Hey!. Non mi ricordo se nel nome c’era il punto esclamativo. L’Hey! lo sento già più mio. Questa app, esattamente come l’altra, funzionava così: te la scaricavi, la lasciavi scaricare gli amici dal tuo account Facebook e lei ti faceva vedere quali la usavano e quali no. A quel punto potevi mandare un avviso agli sfigati che ancora non erano entrati nel tunnel, oppure mandare un Hey! a quelli fighi come te. Solo un Hey!, niente di più. “Hey!”, penso, “sembra interessante”. La installo, collego Facebook e spedisco un primo Hey!. Dall’altra parte della stanza il cellulare di A emette un Hey!, la vocina ha la tonalità di un chipmunk. Abbastanza fastidioso da essere divertente. Ridacchio: dentro sono ancora tredicenne. Tocca a te, A! Vediamo che fai, A! Lui risponde al mio Hey! con un altro Hey!, il quale fa un giro per Internet e atterra sul mio smartphone, che però non emette suono. Non mi freghi, A! Io c’ho sempre il silenzioso! Mentre vinco la battaglia, intorno a me è già delirio. Gente che manda Hey! a ripetizione, che già un open space istiga agli scherzoni su larga scala, se poi hai uno strumento per mandare Hey! con la cadenza di un kalashnikov, ciao. Guerra lampo. Guerra senza vincitori né vinti. Guerra che si spegne perché dopo un po’ ci si rompe le balle anche di mandarli, gli Hey!. Si torna a casa. Cucina A. Vuole fare il merluzzo. “Vah che devi dissalarlo” dico io, “Ma mochela” risponde lui, e lo cucina coi capperi. Esce una merda. Anche il gatto del vicino lo rifiuta. Ricevo un Hey! da L. Bevo mezza pinta di acqua per dissalarmi e intanto penso. Questo Hey! va interpretato. La guerra è finita, questo è un Hey! civile. Cosa volevi dire; cosa ti aspetti, L? Dato che sono educato, rispondo. Siamo nell’era dell’iper-comunicazione, d’altronde. Così mando un Hey! a D, giusto per vedere qual è la reazione media a un Hey! civile. Ottengo in cambio due Hey!: uno da L, l’altro da D. Mi arrendo, ammetto la sconfitta, non sono capace. Che poi a Yo hanno anche aggiunto funzioni. Sciocchi. Ed io, pacifista, continuo a ignorarla.█