Persone, luoghi e altre storie
Magazine
Books

Holy roof garden – cimitero sacro monte di Laorca (LC)

06/06/2016
RIPadvisor

A cura di Leone Belotti

Fotografie di Michele Perletti

laorca 66430 JLR (1)Scenografia +++++
Empatia +++++
Memoria +++++

A Lecco, in contrada Laorca Sassina, un RIP rupestre, fatto di caverne-loculi, cappelle in grotta e terrazzamenti aerei. Un sacro monte per 3 ragioni, su 4 livelli, con 5 categorie di defunti. Qui i miracoli dell’eremita San Giovanni Crisostomo + le apparizioni mariane + lo stillicidio di un’acqua santa (perfetta per la coltura dei bachi da seta). Due terrazzamenti di tombe e loculi per la popolazione + una spianata con architettura tardo-liberty per i notabili + un giardino-grotta con le cappelle degli industriali siderurgici + i caduti di guerra (con cippi infilati in trincea come baionette) + i caduti della montagna (appesi in verticale, come in cordata, nello scurolo, la fenditura nella roccia dove viveva l’eremita) + gli appestati d’epoca manzoniana, rinchiusi nell’adiacente chiesetta, quasi millenaria.

In mezzo a tutto questo, come un cardo, che divide e connette, ecco una via crucis barocca, ri-affrescata nel ’900 con tratto molto corporale, quasi una passione erotica. Nell’insieme, nonostante la sovrapposizione di epoche, segni, retoriche, livelli geologici e sociali, non si ha l’impressione di stonatura, non si avverte il kitsch, perché ogni frammento di questo collage è comunque autentico, e sopporta lo stile del prossimo, come in una città postmoderna.

Questo è un luogo che non dovrebbe esistere

Questo è un luogo che non dovrebbe esistere: negli anni fasci ne fu disposta la chiusura e la traslazione delle salme nel cimitero nuovo, ma tutta la popolazione insorse (un caso di antifascismo parrocchiale) a difesa dei propri morti, e del loro eterno riposo.

Noi crediamo di venire al cimitero a pregare per i morti, ma in realtà sono i morti che ci pregano, ci chiamano, e ci affidano dei compiti, solitamente molto impegnativi, come: vivere, amare. Ma anche: accettare, lasciare, andare oltre, ricordare, elevarsi.

Noi crediamo di andare a trovare i morti a nostro piacimento, ma sono i morti che decidono, sono i morti che vengono a trovare noi, a loro piacimento, preferibilmente nottetempo, nei sogni prima del risveglio