Persone, luoghi e altre storie
Magazine
Books

Centrifugato di Libia

08/04/2015
>5 min
Nicola Feninno

 

PARTE I

Colonel GaddafiMu’ammar Gheddafi (1942 – 2011)

 

– 20 ottobre 2011
Mu’ammar Gheddafi viene ucciso a Sirte, con un colpo di pistola alla testa.

– primavera 1942
Mu’ammar Gheddafi nasce in una tenda nel deserto, vicino a Sirte, territorio italiano.

– 27 giugno 1980
Un aereo DC-9 Itavia precipita al largo di Ustica. Gli 81 occupanti del velivolo muoiono. Le responsabilità di questa tragedia non sono mai stata accertate.

strage di usticaResti riassemblati del DC-9 Itavia

 

– Febbraio 2007
Francesco Cossiga, Presidente del Consiglio nel 1980, afferma che il DC-9 fu abbattuto da un missile francese destinato a colpire un aereo su cui si sarebbe trovato il dittatore libico.

– 10 giugno 2009
Gheddafi atterra a Ciampino: prima visita ufficiale in Italia. Prende residenza in una tenda montata nel parco di Villa Pamphili. Sull’uniforme ha appuntata una foto che ritrae l’arresto di Omar al-Mukhtar.

GHEDDAFI A ROMA: BERLUSCONI A CIAMPINOGheddafi a Roma nel 2009. Incorniciata in rosso la foto dell’arresto di al Mukhtar

 

– 20 agosto 1861
In un villaggio della Cirenaica nasce Omar al-Mukhtar, che diventerà il leader della resistenza libica contro l’invasore italiano. Verrà soprannominato il Leone del deserto.

– 11 giugno 2009
Sky trasmette per la prima volta in Italia il film “Il leone del deserto”, con Antony Quinn nei panni di al-Mukhtar. La proiezione del film fu vietata nel 1982 nelle sale italiane perché – con le parole dell’allora presidente del consiglio Andreotti – “danneggia l’onore dell’esercito italiano”.

– 11 settembre 1931
al-Mukhtar viene catturato dai soldati italiani.

Omar_al-MukhtarOmar al-Mukhtar (1861-1931)

 

– 14 settembre 1931
Pietro Badoglio – all’epoca governatore della Tripolitania e della Cirenaica – ordina a Rodolfo Graziani di inscenare un processo per al-Mukhtar, «e conseguente sentenza, che sarà senza dubbio pena di morte».

– 16 settembre 1931
al-Mukhtar viene impiccato a Soluch. La condanna è eseguita in uno dei campi di concentramento libici, di fronte a una folla di 20 mila libici, per aumentarne il valore esemplare.

– 1 luglio 1940
Graziani diventa governatore della Libia. Negli anni precedenti si era distinto per la repressione della rivolta anti-colonialista di al-Mukhtar. Fece costruire dei campi di concentramento in cui furono deportate 100 mila persone della regione del Gebel. 60 mila persone morirono. Dal 1935 al 1936 fu al comando delle operazioni militari contro l’Abissinia. Nel dicembre del 1935 diede ordini di sganciare 125 bombe all’iprite sulla città di Areri. Il 23 settembre 1943 diviene ministro della difesa della Repubblica Sociale Italiana. Il 16 febbraio 1946 viene rinchiuso nel carcere di Procida, dove scrive l’opera Libia redenta. Il 2 maggio 1950 il Tribunale Militare speciale di Roma lo condanna a 19 anni. 17 vengono condonati. Nel 1952 s’iscrive all’MSI. Nel 1953 ne viene nominato presidente onorario.

Graziani_chiappe_al_ventoRodolfo Graziani semi-ignudo

 

– 11 agosto 2012
Il comune di Affile (RM) intitola a Graziani un sacrario. “Graziani? Un esempio per i giovani” dichiara il sindaco al Fatto Quotidiano.
– Maggio 2000
A Isnello, paesino in provincia di Palermo, un ramo della strada provinciale 9 viene rinominato via Omar al-Mukhtar.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAveduta del paese di Isnello (PA)

 


PARTE II

mussolini a cavalloTripoli. Benito Mussolini a cavallo con spada al cielo.

 

– 20 marzo 1937
Benito Mussolini appare sulla sommità di una duna, alle porte di Tripoli, in groppa ad un cavallo bianco. Si erge sulle staffe, alza al cielo la spada e si proclama “protettore dell’Islam”. Seguono salve di cannone.

– 29 agosto 2010
Seconda visita ufficiale di Gheddafi in Italia. Un’agenzia seleziona 500 ragazze che possano assistere alle “lezioni di Corano” del leader libico a Roma.

– 18 marzo 1937
Mussolini inaugura la “litoranea libica”, strada di 1822 chilometri. In seguito sarà rinominata via Balbia.

– 28 giugno 1940
Italo Balbo viene ucciso da fuoco amico nei pressi di Tobruch. Era stato nominato governatore della Libia il 1 gennaio 1934.

lotteria di tripoliLocandina della Lotteria di Tripoli, associata a una corsa automobilistica che si teneva sulla via Balbia

 

– Settembre 2014
Il governo libico, presieduto da Abdel Rahim el-Khib e riconosciuto dalla comunità internazionale, si trasferisce a Tobruch, Libia orientale. La Libia occidentale risulta oggi sotto l’influenza di Alba libica, una coalizione di partiti ad ispirazione islamica.
Tobruch – Derna = 172 km, percorrendo la ex via Balbia, oggi Strada Costiera Nazionale. Derna risulta oggi sotto il controllo dell’ISIS.

– 17 febbraio 2011
Sulla scia dei moti della “primavera araba” una rete di blogger organizza una serie di manifestazioni in tutta la Libia contro il regime di Gheddafi.

– 17 febbraio 2015
Quarto anniversario della rivoluzione che ha rovesciato Gheddafi. L’Egitto lancia dei raid aerei contro le postazioni dello Stato Islamico a Derna in reazione alla decapitazione di 21 egiziani copti.

– Derna – Bengasi = 289 km, percorrendo la Strada Costiera Nazionale.

– 19 febbraio 2011:
Viene disattivata la rete internet in tutta la Libia. Il figlio del dittatore libico Sa’adi Gheddafi è preso in assedio in un albergo di Bengasi.

saadi gheddafiGaucci presenta il nuovo acquisto del suo Perugia, Sa’adi Gheddafi

 

– Stagione 2001-2002
Sa’adi Gheddafi è capocannoniere del campionato libico di calcio. Viene acquistato dal Perugia Calcio per la stagione 2003-2004. Alla prima convocazione, il 5 ottobre 2004 contro la Reggina, risulta positivo all’anti-doping. Era in panchina. Gheddafi scenderà in campo una sola volta, il 2 maggio 2004, contro la Juventus – di cui era tifoso – nei 15 minuti finali (9 tocchi di palla). La famiglia Gheddafi, all’epoca, era proprietaria del 7,5% delle azioni della Juventus. Nel 2005 Gheddafi passa all’Udinese (1 presenza). L’anno dopo alla Sampdoria (0 presenze).

– Bengasi – Tripoli = 1025 km, percorrendo la Strada Costiera Nazionale.

– 16 marzo 1937
Sulla via Balbia viene inaugurato l’Arco dei Fileni, al confine tra la Cirenaica (capoluogo = Bengasi) e la Tripolitania (capoluogo = Tripoli).

– 1973:
Gheddafi fa smantellare l’Arco dei Fileni, considerato un simbolo dell’oppressione coloniale italiana. L’arco recava un’iscrizione di Orazio: “O almo sole, tu non vedrai nessuna cosa al mondo maggiore di Roma”.

arco dei fileniL’arco dei Fileni nella pubblicazioni “Libia Turistica”

 

– 11 aprile 146:
Settimio Severo, imperatore romano, nasce a Leptis Magna, 130 km a sud-est di Tripoli. È considerato l’iniziatore di un nuovo culto incentrato sulla figura del sovrano.

settimio-severo-viene-proclamato-imperatore-romanoBusto di Settimio Severo

 

– 14 settembre 1938:
Nasce a Tripoli Franco Califano.

FRANCO-CALIFANO-MORTO-1Franco Califano, detto il Califfo (1938 – 2013)

 

PARTE III

Over 1000 mainly African migrants queueMigranti al porto di Misurata

 

– Circa 400 km
Distanza dal porto di Misurata (Libia Occidentale) a Lampedusa.

– Circa 520 km
Lunghezza del gasdotto Greenstream che trasporta gas dalla Libia all’Italia per circa 8 miliardi di metri cubi = 10% del fabbisogno italiano.

– 30 agosto 2008:
Berlusconi e Gheddafi stipulano il “Trattatto di Amicizia e Cooperazione”. L’Italia s’impegna a pagare 5 miliardi di dollari come compensazione per l’occupazione militare. La Libia ad effettuare investimenti in aziende italiane e a combattere l’immigrazione dalle sue coste.

– 7 ottobre 1970:
In Libia viene istituito il “Giorno della Vendetta”. Gheddafi confisca tutti i beni degli oltre 20 mila italiani residenti in Libia, che saranno costretti a lasciare il paese. Chi ha le possibilità economiche fa rimpatriare anche le salme dei propri cari defunti.

– 7 ottobre 2004:
Il “Giorno della Vendetta” viene trasformato in “Giorno dell’Amicizia”, dopo una visita in Libia di Berlusconi

berlusconi gheddafiBerlusconi e Gheddafi si stringono la mano in spiaggia

 

– 7 ottobre 2005
In Libia si torna a festeggiare il “Giorno della Vendetta”. Sdegno delle autorità italiane.
– Immigrati sbarcati in Italia nel 2008 = circa 37mila.

– 5 febbraio 2009
Il Ministro degli Interni Maroni firma a Tripoli un Protocollo di collaborazione con le autorità libiche. Si stabiliscono respingimenti di migranti intercettati in acque internazionali e rispediti verso la Libia.

– Immigrati sbarcati in Italia nel 2009 = circa 9 mila.

– 23 febbraio 2012
La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo condanna l’Italia per la pratica dei respingimenti in mare, illegale secondo la Convenzione di Ginevra (art. 33)

– Aprile 2012:
Amnesty International denuncia la violazione dei diritti umani nel centro di detenzione di Misurata. Nel 2009 dei reporter avevano visitato il centro che ospitava soprattutto rifugiati eritrei, alcuni respinti in mare. Una camera di 4×5 metri per 20 persone. Un cortile all’aperto di 20x20m.

– 1925:
Giuseppe Volpi è nominato conte di Misurata. Volpi avvallò la repressione della rivolta del generale Graziani. Sarà ministro delle finanze del governo Mussolini. Poi presidente della Biennale di Venezia nel 1938 e promotore della prima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Nel Dopoguerra verrà condannato, ma beneficerà dell’Amnistia Togliatti. Il 16 novembre 1947 i suoi funerali saranno celebrati da Angelo Roncalli, futuro Papa Giovanni XXIII. Tutt’oggi la Coppa Volpi viene assegnata a Venezia al miglior attore e alla migliore attrice.

Giuseppe VolpiGiuseppe Volpi, conte di Misurata (1877-1947)

 

– Immigrati sbarcati in Italia nel 2014 = circa 140 mila.

– Gennaio 2015
In un solo mese gli sbarchi sono stati 3528, 50 i morti.

– La Libia è il secondo produttore africano di petrolio, dopo la Nigeria.

– Khalifa Haftar, fu un generale di Gheddafi. Nel 1987 il suo tentativo di rovesciare Gheddafi viene appoggiato dagli USA. Dal 1990 al 2010 vive in Virginia (USA). Oggi sembra essere l’uomo forte emergente del governo di Tobruch, riconosciuto dalla comunità internazionale contrapposto a quello d’ispirazione islamista di Tripoli.

khalifa haftarIl generale Khalifa Belqasim Haftar